Immagine a volume in TV 3D, descrizione, principio di funzionamento

0
20

TV 3D tutte le sfumature, panoramica

L’era della televisione 3D, il rifiuto del 3D

Nel 2012, i televisori con la possibilità di visualizzare immagini tridimensionali, i televisori con il 3D o come vengono chiamati TV 3D hanno continuato a svilupparsi rapidamente.
Il principio stesso della visione in 3D è stato sviluppato all’inizio del XX secolo, era possibile guardare film in 3D solo nei cinema stereo. Con lo sviluppo delle tecnologie di produzione televisiva e l’inizio della produzione di massa di televisori 3D (2010), è diventato possibile guardare film e programmi in 3D a casa.

Avviso medico (danni alla salute dovuti alla visione della TV 3D).

Alcuni spettatori si lamentano del mal di testa e dell’affaticamento degli occhi dopo aver visto film in 3D. Ci sono diverse limitazioni, soprattutto per le persone anziane. Si tratta dell’insorgenza del mal di movimento (malattia del mare), che a sua volta può aggravare altre emicranie, disturbi visivi, disturbi mentali.

I televisori 3D hanno due difetti principali, che sono innaturali per gli esseri umani:

interferenza incrociata tra gli occhi causata da una separazione imperfetta dell’immagine
disallineamento tra convergenza (Convergenza in fisiologia – movimento degli organi accoppiati l’uno verso l’altro: ad es. convergenza degli occhi) e accomodazione (da lat. accomodatio – adattamento, adattamento di un organo o del corpo nel suo insieme ai cambiamenti delle condizioni esterne. Il termine viene usato più spesso per descrivere i cambiamenti del potere rifrattivo del sistema ottico dell’occhio per una chiara percezione degli oggetti situati a distanze diverse).

Convergenza

accomodatio

Si ritiene che circa il 12% delle persone non riesca a vedere correttamente le immagini 3D, a causa di diverse condizioni mediche. In un altro esperimento, fino al 30% delle persone ha una visione stereoscopica molto scarsa. Questo nega o riduce significativamente l’effetto dell’immersione nella TV 3D.

Tecnologie TV 3D






Per creare un’immagine 3DTV sul vostro televisore, dovete soddisfare diverse condizioni:

Il televisore 3D ha una speciale matrice dello schermo.
La frequenza di aggiornamento dell’immagine sullo schermo dovrebbe essere di almeno 120 fotogrammi al secondo (si riferisce alla tecnologia attiva), se la frequenza è inferiore a quella in cui la persona nota lo sfarfallio dello schermo TV.
Dall’inizio del 2013 due tecnologie di creazione di immagini 3D sono diventate le più diffuse nei televisori.

  • metodo di polarizzazione
  • metodo dell’otturatore attivo
  • c’è anche una terza tecnologia metodo autostereoscopico è un metodo per creare un’immagine tridimensionale e la visualizzazione senza occhiali speciali, questo metodo ha ricevuto un viaggio alla vita e le aziende leader hanno rilasciato televisori su questa tecnologia.

Toshiba ZL2Il Metodo Autostereoscopico Toshiba ZL2 utilizza un sistema di lenti per proiettare immagini tridimensionali e, in modo più dettagliato, un livello di micro-obiettivi è sovrapposto alla matrice LCD, ognuno dei quali devia la luce dai pixel del pannello con diverse angolazioni. Di conseguenza, parte dei pixel è visibile allo spettatore con un occhio e parte con l’altro, creando così un effetto tridimensionale. Per questo metodo, l’angolo di visione dell’immagine gioca un ruolo importante (analogico dello schermo di una scheda con un modello che cambia a seconda dell’angolo di visione). Combinando diversi livelli di luminosità dei pixel vicini nella matrice dello schermo, formando un pixel dell’immagine Full HD, è possibile modificare il punto di messa a fuoco in un’ampia gamma. I produttori raccomandano di mantenere una distanza dal televisore con uno schermo di 55 pollici – 2,2 m, e un raggio d’azione effettivo è una distanza da due a cinque metri. La messa a fuoco dell’immagine 3D può essere regolata manualmente, usando speciali modelli nel menu di setup, ma anche implementando la regolazione automatica. Nel televisore è incorporata una telecamera che segue il movimento dell’occhio dello spettatore.

Il metodo autostereoscopico ha i suoi svantaggi: il piccolo angolo di visione della TV a causa dell’immagine dell’obiettivo 2D perde nitidezza.

Un tale piano TV rilasciato dalla società Toshiba, questo modello Toshiba 55ZL2 TV costa circa 7500 dollari, che è proibitivamente costoso e come la pratica dimostra il prezzo è davvero sopravvalutato, in pochi anni il costo di un tale televisore sarà ridotto nel tempo. Anche Philips ha sviluppato una tecnologia simile nel 2010, ma i responsabili del marketing dell’azienda hanno deciso che non sarebbe stato pratico svilupparsi ulteriormente a causa della lenta transizione degli utenti dal 2D al 3D.

Solo le principali aziende televisive offrono modelli di TV 3D a partire dall’inizio del 2013, come i marchi:

  • Samsung
  • LG
  • Philips
  • Sony
  • Thomson
  • Panasonic
  • Loewe
  • Sharp
  • Toshiba

Altre aziende non hanno la tecnologia per produrre matrici di schermi 3D e non possono competere con i leader del mercato.






Tecnologie di polarizzazione TV 3D

Il metodo della polarizzazione è ampiamente utilizzato nella produzione televisiva per creare un effetto 3D.

polarizzazione 3d

Il principio è che l’immagine sullo schermo televisivo è polarizzata (una speciale pellicola è installata davanti allo schermo) per rendere più chiaro il cambiamento dell’angolo di propagazione delle onde luminose dallo schermo televisivo, in tecnologia passiva questo è di solito implementato attraverso una linea, l’immagine mostra che l’immagine è costituita da linee alternate. Gli occhiali hanno anche una pellicola di polarizzazione che passa solo quelle linee che vanno all’angolo dell’occhio destro e sinistro. L’occhio destro può vedere le proprie linee dell’immagine, l’occhio sinistro può vedere le proprie linee. Questo è ciò che rende possibile un’immagine a volume utilizzando la tecnologia passiva. Tali tecnologie sono utilizzate nelle sale cinematografiche 3D.

Nella foto vediamo quale immagine l’occhio sinistro e destro di una persona vedrà, ma a causa dell’inerzia della percezione lo spettatore non si accorge che non gli viene mostrata l’immagine completa. Questa tecnologia ha uno svantaggio che lo spettatore vede in 3D un’immagine con un numero ridotto di linee in orizzontale esattamente 2 volte invece di 1080 linee ne vede 540. Anche se non è visibile allo spettatore.

Tecnologia 3D attiva

Nella tecnologia TV 3D attiva, gli occhiali e il televisore sono collegati (sincronizzati) tra loro (ad es. tramite raggi infrarossi). Gli occhiali nell’occhio sinistro e destro si oscurano alternativamente. Il vetro dei bicchieri contiene cristalli liquidi che si polarizzano quando viene applicata la tensione e non lasciano passare la luce all’occhio dell’osservatore. L’oscuramento avviene in sincronia con la dimostrazione dell’immagine sullo schermo del televisore, e sembra che l’occhio sinistro veda l’immagine destinata all’occhio sinistro e l’occhio destro a quello destro. Poiché ogni occhio vede solo la propria immagine durante la visione della TV 3D, la frequenza di aggiornamento sullo schermo della TV è dimezzata, con un frame rate di 120 fotogrammi al minuto, il vero spettatore sta guardando la TV a 60 fotogrammi al secondo. Questo è abbastanza per ignorare l’immagine tremolante.

Occhiali 3D attivi

Inizialmente, gli occhiali attivi erano molto massicci, perché hanno un circuito integrato e l’alimentazione per gli occhiali, nei moderni televisori, grazie allo sviluppo della tecnologia degli occhiali attivi verso l’esterno quasi non è diverso da quello passivo.

Quale tecnologia è più attiva o passiva?

È difficile dire in modo definitivo che entrambe le tecnologie siano applicate, quindi in linea di principio sono vicine in termini di qualità. Ciò che hanno in comune, come per tutti i sistemi TV 3D, è la riduzione del flusso luminoso (luminosità dell’immagine) durante la visione di TV 3D, ma nei moderni televisori, i produttori hanno quasi superato questo difetto e lo spettatore quasi non se ne accorge durante la visione da 2D a 3D. Dopo 10-20 secondi, lo spettatore si abitua e non avverte alcun disagio. Lo spettatore non ha bisogno di sforzare la vista per vedere l’immagine.






Un’altra cosa è la caratteristica fisiologica quando si guarda la TV 3D attiva c’è un trucco del cervello per creare il 3D, si può far sedere una persona e chiudere gli occhi alternativamente. Anche se durante la visione, una persona non nota l’alternarsi dell’oscuramento degli occhiali, ma il subconscio se ne accorge e, come dimostrano gli studi, gli occhi si stancano di più e si sentono a disagio quando si guarda la TV 3D attiva.

Alcuni esperti dicono che il futuro appartiene alla tecnologia passiva, altri dicono che la tecnologia attiva migliora il futuro, altri ancora dicono che il futuro appartiene al metodo autostereoscopico per la creazione di TV 3D.

Di conseguenza, il 3D nei televisori è morto, e a partire dal 2019 la produzione di televisori 3D è stata completamente interrotta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here