Cos’è l’uscita audio digitale SPDIF spiegata

0
2041

Cos’è l’uscita SPDIF (Sony Philips Digital Interface Format)

Ci sono due standard SPDIF per tipo di connettore, rame e ottico. Questi due standard sono gli stessi in termini di tipo di codifica. La differenza è che il Digital Audio Out SPDIF usa il cavo di rame per trasmettere, mentre l’Optical SPDIF usa la fibra ottica per trasmettere l’audio.

Queste uscite sono state sviluppate congiuntamente da Sony e Philips per l’uso in TV e altri dispositivi audio. Sono usate per trasmettere l’audio, per esempio, da un televisore a un altoparlante attivo esterno. Inizialmente, SPDIF supportava la trasmissione audio in formato stereo, senza compressione. Dopo un ulteriore perfezionamento, SPDIF supporta l’uscita del suono in formato 5.1, 7.1 e compresso.

Storia SPDIF

Questo formato per la trasmissione video digitale è emerso negli anni ’90. Quando l’audio cominciò a essere registrato digitalmente sui CD, sorse la questione di come l’audio potesse essere trasmesso digitalmente agli altoparlanti senza un’ulteriore conversione. Originariamente, SPDIF è stato sviluppato per trasmettere l’audio dai lettori DVD agli altoparlanti. SPDIF ha risolto questo problema, e successivamente un numero molto grande di dispositivi ha cominciato a supportare questo formato. SPDIF è usato nei televisori, sotto forma di uscita ottica. In seguito, sono diventate disponibili opzioni di trasmissione audio simili, come HDMI ARC.

Uscita audio digitale spiegata

digital audio out – Questa uscita ha la forma della spina familiare dai tempi della televisione analogica, il nome corretto è RCA.  I dispositivi sono collegati l’uno all’altro con un cavo coassiale, il suono viene trasmesso digitalmente utilizzando protocolli speciali. La lunghezza massima approssimativa del cavo tra i dispositivi è di 10 metri (32 piedi). Ma la lunghezza massima del cavo dipende dalla qualità dei materiali usati e dalla fabbricazione del cavo.

Uscita audio ottica SPDIF (Sony Philips Digital Interface Format) spiegata

optical S/PDIF (Sony/Philips Digital Interface Format)– in questo caso, il suono viene trasmesso con un laser su un cavo ottico tra i dispositivi. La potenza del segnale ottico trasmesso è tale che la massima distanza possibile tra i dispositivi è anche circa 10 metri. C’è un connettore sul dispositivo, di solito chiamato TOSLINK.

Si potrebbe dire che queste due uscite sono identiche nella garanzia della qualità del segnale trasmesso mentre il segnale audio viene trasmesso direttamente elaborando digitalmente bypassandolo ad un segnale analogico. Il segnale analogico è più suscettibile a qualsiasi distorsione e più attenuato alle alte frequenze.

Previous articleMicro Dimming vs Micro Dimming Ultimate vs Micro Dimming pro, media spiegata
Next articleCome scegliere una TV Roku o un dispositivo Roku nel 2021

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here